“Si sveglia che fa buio, ormai è l’abitudine, la notte le regala un’aria più complice” (Subsonica)

Standard

time_is_dead_by_MainLi

Le 4.44…maledetti (o benedetti?!?) numeri doppi, apro gli occhi…buio, notte, silenzio…li richiudo…sono a Torino, sono le 17.45, guardo continuamente l’orologio, sono in ritardo per un appuntamento con una cliente (una cliente?!?…boh…chissà che lavoro faccio), devo trovare un farmacia, ritirare un fascicolo e portarlo alla sig.ra di cui ora non ricordo più il nome…

Con me c’è mio zio N., finalmente troviamo la farmacia, ritiro il fascicolo…guardo mio zio e prendo il cellulare per avvisare la sig.ra del ritardo…cerco il suo numero nella rubrica…una sfilza di numeri, un numero di cellulare lunghissimo…

Mi sveglio…prendo il cellulare dal comodino…sono le 5.15.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...